Dal Diario di Alice

P1040389.JPGDopo quasi un mese che sono qui ad Alice Village finalmente scrivo sul blog. Le giornate passano veloci, mi sembra di essere arrivata solo ieri in questo posto fantastico, qui si respira totalmente un’altra aria, i posti sono bellissimi e le persone si possono definire meravigliose.  E’ decisamente un altro mondo, se non si vede con i propri occhi non si può capire cosa sto vivendo e provando, non sono posti che si vedono tutti i giorni e neanche una fotografia fa capire realmente cosa vedo, da solo un idea vaga di questa realtà. Appena arrivata ad Alice Village mi sono sentita a casa, i bambini che vivono qui sono meravigliosi e anche lo staff è fantastico. Grazie a loro ed alla loro accoglienza mi sono subito ambientata. Quando sono arrivata con me c’erano altri due volontari: Silvana e Olivier, delle persone fantastiche con cui ho vissuto avventure e disavventure, ma nonostante questo ci siamo fatte tantissime risate! Qui c’è anche Elisa, la nostra responsabile, una persona eccezionale e super disponibile che mi sopporta già da tutto questo tempo!!!! Ora sono insieme ad altre tre volontarie di cui due avevano già fatto questa esperienza qui: Giulia e Marika e Roberta che è qui per la prima volta. Le attività che noi volontari svolgiamo sono di vario tipo: solitamente il lunedì, mercoledì e giovedì andiamo a Korogocho, uno slum che si trova a mezz’ora di macchina da Utawala dove si trova Alice Village. A Korogocho si trova la scuola di Grapesyard dove ci sono classi dalla Baby alla classe 8, noi volontari organizziamo attività ludiche di vario tipo in base alle classi in cui andiamo.  Dato che il mio inglese non è dei migliori solitamente rimango nelle classi dei bambini più piccoli fino alla classe 3, dove non c’è bisogno di avere un inglese perfetto per farsi capire! Per fortuna i professori hanno intuito che non me la cavo per niente in inglese (di sicuro la loro pronuncia non mi semplifica le cose) e mi aiutano a farsi capire e a capirmi. Dopo questo mesetto e mezzo posso dire che il mio inglese è un pochino migliorato!! Il martedì invece andiamo in città dove compriamo materiale per le attività che organizziamo oppure regali per i bambini e ovviamente facciamo un pò di shopping per noi! Il venerdì andiamo a Kariobangi ad Alice Home,  sempre a mezz’oretta di macchina da Utawala. Alice Home è un orfanotrofio che ospita 37 bambini, c’è anche una scuola che frequentano sia i nostri bambini che tutti quelli che abitano in questo slum. Solitamente il nostro compito è quello di decorare e sistemare le camere dei bambini che abitano lì oppure andiamo nelle varie classi ad aiutare i professori a correggere compiti o far giocare e cantare i bambini. Il venerdì sera lo dedichiamo a noi volontari, si mangia fuori cose tipiche Kenyane e non, e poi si va in qualche pub in centro a bere qualche cosa. Il sabato come la domenica, se non si va in città, stiamo ad Alice Village con i bambini come tutti i pomeriggi durante la settimana. Con loro giochiamo, organizziamo attività di ogni tipo come disegnare/cantare/ballare oppure aiutiamo le mamme in cucina a preparare da mangiare per tutti! Dopo mangiato i bambini fanno la preghiera e poi vanno a dormire. Quando hanno finito andiamo nelle varie camere ad augurare loro la buona notte. Prima di andare a dormire decidiamo le attività da fare nelle varie classi e prepariamo il materiale necessario. Diciamo che questo è, indicativamente, il programma della nostra settimana! Con questo concludo! Alla prossima.

Kwaheri

Alice

Dal Diario di Aliceultima modifica: 2010-11-10T11:26:09+00:00da twins_int
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Dal Diario di Alice

Lascia un commento