Dal diario di Roberta

roby.jpgE’ una settimana che sono tornata in Italia, e non mi sento ancora a mio agio. Per forze maggiori ho dovuto riprendere i ritmi di qua, ma non ci sono. La mia testa è ancora là.
Mi mancano le mattinate nelle scuole di Korogocho o di Kariobanghi, dove i bambini cercano di stare attenti ma la tua presenza li esalta. I pomeriggi passati con i bambini al villaggio a lavare i vestiti, a giocare, a ballare e a cucinare; i martedì e i sabato in giro per Nairobi a fare la spesa o al Masai Market a contrattare i prezzi per ogni cosa; e poi le serate che dopo le buonanotte ai bambini passavamo a parlare, scherzare o a guardare i film, con persone che magari conosci da poco tempo, ma che ti sembra da conoscere da più tempo.
Mi sono affezionata a tutti i 57 bimbi, ma soprattutto ho conosciuto Diana la “mia bambina”. Cosa posso dire di lei, semplicemente è fantastica, quando mi abbracciava difficilmente riuscivo a staccarmi e che è più alta di me (anche se ha 11 anni) o comunque è lì per superarmi. Insomma è di una docenza infinita!!
Vorrei ringraziare tutti i bambini, le teachers, mum & dad, robert (che ci seguiva ovunque andavamo), le mie compagne di viaggio (delle matte!!), ma un ringraziamento particolare a Giulia, che mi ha fatto conoscere l’ associazione e convinto a scendere, mi incorderò sempre quando mi ha detto ” Non riesco a raccontare questa esperienza con chi non l’ ha vissuta” ora posso capire e  confermare. BISOGNA VIVERLA!!!!!
Mi mancate.
Elisa e Alice ci vediamo a maggio.
                                                                                        Roberta

Dal diario di Robertaultima modifica: 2010-11-30T11:53:52+00:00da twins_int
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Dal diario di Roberta

Lascia un commento