‘Passeggiando’ tra le baracche

E’ giunto oramai il giorno del nostro rientro in Italia. Ci rechiamo a Korogocho per gli ultimi saluti ai bimbi e agli insegnanti. I bambini, come sempre, ci trasmettono come sempre il loro sorriso mentre Andrew, Bettwell e Dancan, alcuni degli insegnanti, non nascondono un velo di tristezza nei loro sguardi. Sicuramente nel conversare e nel conoscere la nostra realtà … Continua a leggere

Istantanee video dagli slum

Siamo in viaggio per le strade dissestate degli slum di Korogocho e Kariobangi: ecco in presa diretta quello che vediamo mentre ci avventuriamo attraverso questa realtà che non finisce di impressionarci. Tra povere baracche cadenti e rifiuti, l’unica nota di speranza è rappresentato dai tantissimi bimbi che saltellando ci salutano, allegri e sorridenti, con il loro ritornello preferito: “How are … Continua a leggere

Vita da slum

Benvenuti a Korogocho, uno dei principali slum di Nairobi. Ci immergiamo per qualche ora nella dura realtà della baraccopoli dalle case in lamiera arrugginita e dalle montagne di rifiuti sparsi nelle strade, destinati a non essere mai rimossi. Gli abitanti di questo luogo che assomiglia a un girone infernale ci sorridono, nonostante tutto. E aggiungono pennellate di colore alle loro … Continua a leggere

Grapesyard School : un futuro per i bambini.

Nelle stradine  dello slum di Korogocho si arriva solo a piedi attraversando fogne all’aperto  e cumuli di spazzatura. Qualche cane rognoso sonnecchia e bimbi vestiti di stracci giocano a piedi nudi tra vetri ed rottami. Quando si arriva davanti alla nostra scuola si apre il paradiso . I muri dipinti per i bambini e le mille aiuole che ci sono … Continua a leggere

KENYA: tangenti per la bonifica della discarica. L’Italia indaga

La bonificazione della discarica di Dandora a Nairobi, è un progetto di cooperazione ambientale tra il governo italiano e quello keniota. Attorno a questa discarica è sorto il più grane slum “vergogna” di Nairobi, Korogocho che in lingua kikuyu significa “ciò che non ha più nessun valore”. Lì vivono più di 120 mila persone, tra cui donne e bambini che … Continua a leggere